Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
134


el tempo ch’el pare e la mare, i fioi e la famegia se gode con pase, con amor e con carità. La quiete, la bona armonia xe el megio condimento de le piatanze. Benedetti quei bocconi che se magna d’accordo; infelice quella famegia, che vardandose con astio e con despetto, mastega con rabbia e inghiotte tanto velen.

Beatrice. Sentite, fin che non farete la risoluzione di mandar via Lelio, non averemo mai bene.

Pantalone. Perchè, cossa ve falo?

Beatrice. Egli inquieta tutti. A me non porta rispetto. Calpesta il povero suo fratello e lo maltratta. Si ride del maestro. Infastidisce la servitù. Insomma non si può tollerare.

Pantalone. Mi no digo che Lelio sia la più bona creatura del mondo, ma tutte ste cosse che disè de elo, mi no le ho ancora viste.

Beatrice. Già si sa, non bisogna toccargli il suo primogenito.

Pantalone. Diseme, cara vu, se poi parlar una volta tra mario e mugier d’amor e d’accordo, senza aver la spada in bocca, senza magnarse i occhi?

Beatrice. lo non parlo mai. Non potete dire che io sia di quelle che vogliono censurare ogni cosa.

Pantalone. Via donca, vegnì qua, senteve arente de mi e discorremo d’una cossa che preme a mi, e che v’ha da premer anca a vu.

Beatrice. Dite pure; v’ascolto.

Pantalone. Me xe sta dito che el dottor Balanzoni vol maridar una de le so do putte...

Beatrice. M’imagino sarà la signora Eleonora, perchè la signora Rosaura si è ritirata con sua zia e dice di non si voler maritare.

Pantalone. Ben, la sarà siora Eleonora. Un amigo, che me vol ben, m’ha avvisà de sto negozio; e considerando che mi gh’ho do fioi, el m’ha fatto toccar con man, che megio partio de questo per la mia casa no poderave trovar. Infatti savè ch’el Dottor xe ricco, e noi gh’ha altro che ste do putte. I dise ch’el ghe