Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

135


daga de dota diese mile ducati, ma pò a una so morte le xe ereditariole de tutto. So anca che al Dottor de sto negozio ghe ne xe stà parlà, e so che l’ha dito che seme amici; ch’el fa stima de mi: e che se nu la farò domandar, a un mio fio el ghe la darà volentiera.

Beatrice. (Questo potrebbe essere un buon negozio per Florindo). (da sè)

Pantalone. Cossa diseu? Gh’aveu qualche difficoltà; parleme liberamente. Per quel che mi so, la puta xe savia e modesta, ma siccome valtre femene savè tutti i pettegolezzi de le case, disenie se savè che ghe sia qualche radego.

Beatrice. Anzi io so di certo che la signora Eleonora è molto propria e civile, e d’ottimi costumi, e di buon aspetto; e poi, se avesse qualche difetto, sotto la mia educazione si correggerà facilmente. ù Pantalone. No so, gh’ho paura.

Beatrice. Perchè?

Pantalone. Perchè le xe poche quelle niore che se vogia lassar corregger da le madone.

Beatrice. Sotto di me bisognerà che ci stia.

Pantalone Za me l’aspetto, dopo tre zorni niora e madona pezo de can e gatto.

Beatrice. Ma ditemi una cosa che mi preme assai più. A quale de’ due figliuoli pensate voi di dar moglie?

Pantalone. A Lelio.

Beatrice. Bravo, bravissimo. (con ironia) Maritar il cattivo e non curarsi del buono.

Pantalone. Se el fusse d’una cattiveria insopportabile, che portasse disonor a la casa e podesse esser el precipizio d’una povera putta, no lo faria, perchè so anca mi che i zoveni, coi xe boni, col matrimonio i megiora; co i xe cattivi, col matrimonio i deventa pezo. Ma Lelio no gh’ha altro de mal che l’è un poco aliegro, e el matrimonio lo soderà. Col sarà maridà, col gh’averà fioi, el tenderà al negozio: el chiapperà amor a la casa, el deventerà un omo. Anca mi ho fatto cussì, e cussì