Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. Sì, come, cara eia?

Beatrice. Colla mia dote. Della mia dote ne posso far quel che voglio.

Pantalone. Co serrerò i occhi mi, ma no fin che vivo. Orsù, v’ho partecipa sto matrimonio che vogio far, per un atto de convenienza. Se lo aggradì, ben con ben; se no, bon viazo. Vago a dirghelo a mio fio. Sento cossa el dise, e se l’ è contento, avanti sera domando la putta e serro el contratto.

Beatrice. Può esser che non vi riesca di farlo.

Pantalone. No? Perchè?

Beatrice. Perchè può essere che la signora Eleonora non voglia queir animale di Lelio.

Pantalone. Oh, certo la toria più volentiera quella flemma del vostro Florindo.

Beatrice. Florindo ha un’idea che innamora. Pur troppo tutte le donne che lo vedono, s’incantano.

Pantalone. Vardè che felicità! Vardè che grazia del cielo! Tutte le donne s’incanta; tutte le s’innamora in elo! E vu ave gusto, e vu ve compiasè de sta bona fortuna? Siora Bearice, so tutto; so de più de quel che credè che sappia. Sto vostro sior fio, sto caobasso el xe un bel fior de virtù, e loC) andè coccolando, vu lo andè coverzindo. Seguite cussi, siora, seguite così; fileghe el lazzo; vedere el bel frutto del vostro amor; vedere la bella riuscita de sto vostro fio. Pianzerè a lagreme de sangue el troppo ben che gh’ave volesto; maledire quel artifizio, col qual ave sempre procura de sconder a mi i so defetti; e da lu medesimo in recompensa del vostro amor ve sentire strapazzar; ve sentire dir in fazza, che sé quella che ha fomenta i so vizi, che ha coltiva le so debolezze, le so passion.

Beatrice. Avete finito?

Pantalone. Ho fenio. E pur troppo so d’aver butta via el fià e el tempo, perchè, a vualtre donne, drento per una recchia e fora per l’altra. Beatrice, lo voglio bene a mio figlio, non lo nego; è parte (2) di (I) Forse: e vu lu. (2) Nelle edd. posleriori: parto.