Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. Me maravegio, el fio no s’ha da cercar la mugier, senza che lo sappia so pare.

Beatrice. Ma non diceste che nella elezion dello stato il figlio si deve contentare?

Pantalone. Siora sì, l’ho dito, ma, se no m’ave ben inteso, me spiegherò. El pare no ha da violentar el fio ne la elezion del stato, ma el fio no ha da elegger el stato senza el consenso del pane. El pare no ha da obbligar el fio a sposar una putta, ma el fio no s’ha da procurar la sposa, senza che lo sappia el pare. E se el fio xe tanto temerano de no aspettar i comandi del pare, gnanca el pare gh’ha debito de esaminar le convenienze del fio.

Beatrice. Orsù, giacché siamo su questo proposito, voglio che ci leviamo la maschera. A voi preme di dare stato a Lelio, a me di dare stato a Florindo. Tutti due potiamo esser contenti.

Pantalone. Come? Tutti do podemo esser contenti? Che maniera de parlar xe questa? Le premure de la mugier no le ha da esser diverse da quelle del mano. 1 xe tutti do mi fioi. A mi tocca a pensarghe, e vu impazzevene in te la rocca.

Beatrice. Florindo l’ho fatt’io?

Pantalone. Ben, co l’ave messo al mondo, ave fenio. El resto tocca a mi.

Beatrice. Voi non pensate altro che al primo, e sapete perchè? Perchè alla prima moglie volevate tutto il vostro bene. Io sono da voi malveduta.

Pantalone. Mi ve vogio ben, ma per parlarve col cuor in bocca, se gh’avessi quelle bone parte che gh’aveva la mia prima mugier, bona memoria, ve ne vorave de più.

Beatrice. Ecco qui la solita canzone; sempre in mezzo la buona memoria della prima moglie.

Pantalone. No la me diseva miga: A voi preme questo, a me preme st’altro. Voglio cussi, voglio colà. Oh, siestu benedia dove che ti xe.

Beatrice. Orsù, vogliatemi bene, vogliatemi male, non m’importa niente. Mi preme mio figlio; e se non penserete voi a dargli stato, ci penserò io.