Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

149

Brighella. Bravo! El gh’ha dei bezzi? Come li halo fatti? Sior Florindo, me rallegro; stago con ela.

Florindo. Zitto, non dite nulla a mio padre.

Brighella. Che no ghe diga gnente! La vede ben, son servìtor fedel; ste cose al patron no le se ha da sconder.

Florindo. Tenete questi denari e tacete. (gli dà una brancata di monete)

Brighella. Co la me stropa la bocca cussì pulito, no parlo più per cent’anni. Anzi, se la gh’ha bisogno de agiuto, la me comanda e la vederà se la servirò. Co i fioi de famegia passa de concerto coi servitori, poche volte el padre l’arriva a scoverzer la verità. (parte)

SCENA XIV1.
Camera o sia saletta in casa di Pantalone, con tavola apparecchiata.
Pantalone, Lelio, Brighella, Arlecchino.

Pantalone. Animo, in tela. (Zanni portano) Quattrocento scudi xe l’importar dei bulgari. Tresento ghe daremo quei che v’ha dà el sior Fabrizio, e cento ghe li ho parecchiai in sta borsa in tanti zecchini.

Arlecchino. (Porta delle piatanze, principiando dal formaggio, dai frutti e cose simili, finchè Pantalone s’inquieta.)

Brighella. (Porta la minestra. Arlecchino si mette a tavola per mangiare. Pantalone lo scaccia. Arlecchino parte)

SCENA XV2.
Ottavio e detti.

Ottavio. Oh eccomi, eccomi.

Pantalone. E mia mugier dove xela?

Ottavio. Ora viene. Intanto principiamo noi. (siede a tavola)

  1. Corrisponde in parte alla sc. XIII delle edd. Pasquali, Zatta ecc.
  2. Corrisponde alla sc. XIV delle edd. Pasquali, Zatta ecc.