Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/180

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Florindo. Non gli credete

Pantalone. Zitto là. Amici, (agli uomini armati) sta notte bisogna far da sbirri. Bisogna menar sta zente con nu, no in preson, ma a casa. Ve agiuterò anca mi. E za che ghe xe la fia del Dottor, e che semo più vesini a casa soa che a casa mia, menemoh là. Fermi, no ve move, (a Florindo e alle donne) Se i scampa, treghe, mazzeli. Anca vu, sior, anca vu ave da vegnir. (ad Ottavio)

Ottavio. Io? Come e" entro?

Pantalone. Se gh’intrerè, lo vederemo. Se no i voi vegnir, strassineli per forza in casa del sior Dottor. Ande là, che bel bello ve vegno drio. (agli uomini)

Ottavio. Son innocente, son mnocente. (partono tutti con gli uomini armali

SCENA XVll (1).

Pantalone solo. Oh che zente! Oh che fìoi! Chi l’avesse mai dito che Florindo fusse cusì baron, fusse cussi desgrazià? Poven pan de famegia, tante fadighe, tante struscie, tante attenzion per arlevar ben i fioi, e pò no basta; e pò i butta pezo più che mai! Mo cossa ghe voi più de quello che ho fatto mi, per aver allegreza de le so creature? Ah, sì, ghe voi una cossa, la più necessaria, la più essenzial de tutte le altre. Una bona mare; una mare che sappia cossa voi dir voler ben ai so fìoi; che no se persuada che consista l’amar i fioi in tei sparagnarghe le botte; in sconder le so debolezze; in procurarghe i so comodi; ma che sappia che l’amor vero de mare consiste in correggerli, in castigarli. El pare no poi far tutto; no vede tutto. La mare xe quella che più darente, e con più facilità e frequenza, poi indagar i costumi e le procedure dei fioi; e eie palesandole e scondendole al pare, le poi far tutto el ben, e le poi far tutto el mal. Chi (!) Manca nelle edd. Pasq., Zatta ecc