Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. Poveri innocentini! Me spiegherò più chiaro. Che impegno corre tra de vualtri? seu promessi? seu sposai? seu maridai? cossa seu?

Florindo. Ho promesso di sposarla.

Colombina. Ha promesso anche a me.

Pantalone. Ti tasi, che ti gh’ha bon taser, e contentete che ti ha da far con un omo giusto; che mi son quello che no te abbandonerà, e che troverà la maniera de remediarghe. (a Colombina) Donca vualtri sé promessi? (a Rosaura)

Rosaura. Signor sì.

Pantalone. Sé promessi; sé scampai de casa; l’onor xe offeso, ave da esser mario e mugier. Dottor, approveu la promessa de vostra fia, l’autenticheu co la vostra?

Dottore. Sì, fate voi.

Pantalone. E mi prometto per la parte de Florindo, e tra de nu faremo con comodo do righe de scrittura.

Rosaura. (Questo castigo non mi dispiace). (da sé)

Dottore. Ma è questo il castigo che loro date da giudice e da padre?

Pantalone. Aspettè, che adesso vien el bon. Sion, sé solennemente promessi, e sarè un zomo mario e mugier, ma se adesso s’effettuasse sto matrimonio, vegneressi a conseguir non la pena, ma el premio de le vostre colpe, e da l’union de do persone senza cervello no se poderave aspettar che cattivi frutti corrispondenti a la natura de l’albero. Quattr’anni de tempo dovere star a concluder le vostre nozze, e in sto tempo Florindo anderà su la nave che xe a la vela, dove aveva destina de mandar el cattivo fio. Siora Rosaura tornerà in campagna, dove la xe stada per tanto tempo, serrada in una camera e ben custodia. Se dopo sti quattr’anni, tant’uno che l’altro averà fatto giudizio, me scorderò de tutto, ve riceverò come fio, come niora; ma se seguiteré el vostro costume, me spogierò de l’amor de pare, ve darò quel poco che me poi obligar la leze, e ve priverò de tutto quello che ve poderave beneficar.

Rosaura. Quattr’anni? n