Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/337

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA FAMIGLIA DELL'ANTIQUARIO 325

Arlecchino. Volira, vedira, comprara; dighia ben?

Brighella. Benissimo. Arecordev i nomi che v’ho dito per vendergh le rarità, e faremo polito.

Arlecchino. Un gran ben che ghe volì al voster padroni

Brighella. Ve dirò. Ho procura de illuminarlo, de disingannarlo, ma nol vol. El butta via i so denari con questo e con quello; za che la ca’ se brusa, me vôi scaldar anca mi.

Arlecchino. Bravissim. Tutt sta che me recorda tutto.

Brighella. Vardè no fallar... Oh! eccolo che el vien.

SCENA XVII.
Il conte Anselmo e detti.

Brighella. Signor padron, l’è qua l’Armeno dalle antigaggie.

Anselmo. Oh bravo! Ha delle cose buone?

Brighella. Cose belle! cose stupende!

Anselmo. Amico, vi saluto. (ad Arlecchino)

Arlecchino. Saludara, patrugna cara? (Dighia ben?) (a Brighella)

Brighella. Pulito.

Anselmo. Che avete di bello da mostrarmi?

Arlecchino. (Fa vedere un lume da olio1, ad uso di cucina) Questo stara... stara... (cossa stara?) (piano a Brighella)

Brighella. (Lume eterno). (piano ad Arlecchino)

Arlecchino. Stara luma lanterna, trovata in palamida de getto, in sepolcro Bartolomeo.

Anselmo. Cosa diavolo dice? Io non l’intendo.

Brighella. L’aspetta; mi intendo un pochetto l’armeno. Aracapi, nicoscopi, ramarcatà2. (finge parlare armeno)

Arlecchino. La racaracà, taratapatà, baracacà, curocù3, caracà. (finge risponder armeno a Brighella)

Brighella. Vedela? Ho inteso tutto. El dis che l’è un lume eterno trovà nelle Piramidi d’Egitto, nel sepolcro de Tolomeo.

Arlecchino. Stara, stara.

  1. Bettin., Paper, ecc.: un lume di ferro da olio.
  2. Bett., Pap. ecc.: ramarcara.
  3. Bett.: curucù.