Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/341

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. Cara fia; savè che gh’ho i mi interessi. E pò no vegno tanto spesso, per no sentir pettegolezzi.

Doralice. Quello che vi ho scritto in quel biglietto (’), è purtroppo la verità.

Pantalone. Mo za, vualtre donne disè sempre la verità.

Dottore. Dopo ch’io sono in questa casa, non ho avuto un’ora di bene.

Pantalone. Vostro mario come ve trattelo?

Dottore. Di lui non mi posso dolere. E buono, mi vuol bene e non mi dà mai un disgusto.

Pantalone. Cossa voleu de più? No ve basta?

Dottore. Mia suocera non mi può vedere.

Pantalone. Ande colle bone; procure de segondarla, dissimula qualcossa; fé finta de no saver; fé finta de no sentir. Col tempo anca eia la ve vorrà ben.

Doralice. In casa tutti si vestono, tutti spendono, tutti godono, ed io niente.

Pantalone. Abbiè pazienzia; vegnirà el zorno che stare ben anca vu. Se ancora novella in casa; gnancora no podè comandar.

Doralice. Sino la cameriera mi maltratta e non mi vuol obbedire.

Pantalone. La xe cameriera vecchia de casa (2).

Doralice. Però le ho dato uno schiaffo.

Pantalone. Gh’ave dà un schiaffo?

Doralice. E come che gliel’ho dato! E buono!

Pantalone. E me lo conte a mi? e me lo disè co sta bella disinvoltura? Quattro zorni che se in sta casa, scomenzè subito a menar le man, e pò pretende che i ve voggia ben, che i ve tratta ben (3) e che i ve sodisfa? Me maraveggio dei fatti vostri; se saveva sta cossa, no ve vegniva gnanca a trovar. (4) Se el fumo della nobiltà che ave acquista in sta casa, ve va alla testa, considerè un poco meggio quel che se, quel che se stada, e quel che poderessi esser, se mi no ve avesse volesto (I) Ben.: quella polizza. (2) Bell., Paper, ecc. aggiungono: la crede de euer più parona de vu. (3) Beli., Pap. ecc. aggiungono; che i oe fazza dei abiti. (4) Beli., Pap. ecc. aggiungono: 5e fare cussi, no ve varderh più quanto che se longa.