Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/340

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Anselmo. L’invidia fa parlare i malevoli; e quei stessi che mi condannano in pubblico, mi applaudiscono in privato.

Pantalone. No gh’ è nissun che gh’abbia invidia della so galleria, che consiste in t’un capital de strazze. No gh’ è nissun che ghe pensa un bezzo ( ’ ), de vederlo un’altra volta andar in malora, ma mi, che gh’ho in sta casa mia fia, mi che gh’ho dà el mio sangue, non posso far de manco da no sentir con della passion le pasquinade che se fa della so mala condotta.

Anselmo. Ognuno a questo mondo ha qualche divertimento. Chi gioca, (2) chi va all’osteria; io ho il divertimento delle antichità.

Pantalone. Me despiase de mia fia, daresto no ghe penso un figo.

Anselmo. Vostra figlia sta bene, e non le manca niente.

Pantalone. No ghe manca gnente: ma no la gh’ha gnanca un strazze de abito d’andar fora de casa.

Anselmo. Sentite, amico; io in queste cose non me ne voglio impicciare.

Pantalone. Ma qua bisogna trovarghe remedio assolutamente.

Anselmo. Andate da mia moglie, parlate con lei, intendetevi con lei; non mi rompete il capo.

Pantalone. E se no la ghe remedierà eia, ghe remedierò mi.

Anselmo. Lasciatemi in pace; ho da badare alle mie medaglie, al mio museo, al mio museo.

Pantalone. Perchè mia fia la xe fia de un galantomo, e la poi star al pari de chi se sia.

Anselmo. Io non so che cosa vi dite. So che questo lume etemo è una gioja. Signor Pantalone, vi riverisco. (parte

SCENA XIX.

Pantalone, poi Doralice.

Pantalone. Cussi el me ascolta? A so tempo se parleremo. Ma vien mia fia; bisogna regolarse con prudenza.

Doralice. Caro signor padre, venite molto poco a vedentii. (I) Un soldo, uno zero: v. Boerio, Dìz. cit. (2) Bett. aggiunge: chi fa l’amore.