Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/366

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA XI.

Pantalone solo. Vardè che beli’omo! Vardè in che bella casa che ho messo la mia povera fia! Un de sti dì, co ste so medaggie noi gh’ha più un soldo, e quel che xe pezo, el lassa che vaga in desordene la casa, senza abbadarghe. Ma se noi ghe bada lu, ghe badarò mi. No gh’ho altro a sto mondo che sta unica fia; se posso, no voi morir col rammarico de vededa malamente sagrificada. Oh quanto meggio che giera, che l’avesse maridada con uno da par mio! Anca a mi me xe vegnù el catarro della nobiltà. Ho speso vintimille scudi. Ma cossa hoggio fatto? Ho butta i bezzi in canal, e ho nega la putta (a).

SCENA XII.

Arlecchino, tracestito con alt/ abito, e detto.

Arlecchino. (Oh se trovass sto sior Conte, ghe vorria piantar dell’altre belle antichità, senza spartir l’utile con Brighella), (da sé)

Pantalone. (Chi diavolo xe costù?) (da sé)

Arlecchino. (Sto barbetta mi noi conoss). (da sé)

Pantalone. Galantomo, chi seu? Chi domandeu?

Arlecchino. Innanz che mi responda, l’am favorissa de dirme chi r è vussioria.

Pantalone. Son un amigo del sior conte Anselmo.

Arlecchino. Se dilettela de antichità?

Pantalone. Oh assae! (’) (Stè a veder che l’è un de quei che lo tira in trappola). (da sé)

Arlecchino. Za che vussioria se diletta de antichità, la sappia che mi son un antiquari. Son vegnù per far la fortuna del sior conte Anselmo (2). (fl) Affogato la figlia. (1) Beli., Pap. ecc. aggiungono: Compro tulio. (2) Segue nelle edd. Bett. e Pap.: ma se vussioria me obligherà con qualch bona maniera, ghe darò a lu tulle sle zoggie, che ho portò con mi.