Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/367

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA FAMIGLIA DELL'ANTIQUARIO 355

Pantalone. (Voi torme spasso e scoverzer terren). (da sè) Caro amigo, se me farè a mi sto piaser, oltre al pagamento, ve servirò in quel che poderò, in quel che ve occorrerà.

Arlecchino. Za che ved che l’è un galantomo, l’osserva che roba! L’osserva che antichità! che rarità! che preziosità! Vedel questa? (mostra una pantofola vecchia)

Pantalone. Questa la par una pantofola vecchia.

Arlecchino. Questa l’era la pantofola de Neron, colla qual l’ha dà quel terribil calzo a Poppea, quand el l’ha scazzada dal trono.

Pantalone. Bravo! Oh che rarità! Gh’aveu altro? (Oh che ladro!) (da sè)

Arlecchino. Vedel questa? (mostra una treccia di capelli) Questa l’è la drezza de cavelli de Lugrezia romana, restada in man a Sesto Tarquinio, quando el la voleva sforzar.

Pantalone. Bellissima! (Ah tocco de furbazzo!) (da sè)

Arlecchino. La vederà...

Pantalone. No voggio veder altro. Baron, ladro, desgrazià! Credistu che sia un mammalucco? A mi ti me dà da intender ste fandonie? Furbazzo, te farò andar in galìa.

Arlecchino. Ah signor, per amor del cielo, ghe domand pietà.

Pantalone. Chi t’ha introdotto in sta casa?

Arlecchino. L’è sta Brighella, signor.

Pantalone. Come, Brighella?

Arlecchino. Sior sì, avem spartì l’altra volta metà per un.

Pantalone. Donca Brighella sassina el so patron?

Arlecchino. El fa anca lu, come che fan1 tanti alter.

Pantalone. Orsù, vegnì con mi. (Voggio co sto mezzo disingannar sto sior Conte), (da sè) Vegnì con mi.

Arlecchino. Dove?

Pantalone. No ve dubitòè. Vegnì con mi, e non abbiè paura.

Arlecchino. Abbiè carità de un poveromo.

Pantalone. Meriteressi de andar in preson; ma no son capace

  1. Bett., Pap. ecc.: com che fa.