Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/440

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
426 ATTO PRIMO

Alberto. Sior sì, el xe el ritratto de siora Rosaura.

Florindo. Chi custodisce il ritratto, mostra d’amare l’originale.

Alberto. La me perdona, la dise mal. Mi me diletto de miniature; se la vegnirà a Venezia, la vederà in casa mia una piccola galleria de ritratti: tutti de zente che no cognosso, de donne che no so chi le sia. E questo l’anderà coi altri alla medesima condizion.

Florindo. Vi pare questo un ritratto da galleria?

Alberto. El gh’ha el so merito; l’è ben desegnà. La carnagion no pol esser più naturai. El panneggiamento xe molto vivo. La varda quelle pieghe. La varda come ben atteggiada quella testa e quella man. In quei quattro tocchi de chiaroscuro, che forma una spezie d’architettura in piccolo, se ghe vede el maestro. El xe un bel ritratto. Sior Lelio lo gh’aveva, l’ho visto, el m’ha piasso, el me l’ha donà, e el servirà per cresser el numero dei mi ritratti.

Florindo. Amico, parliamoci con libertà. Anch’io son uomo di mondo, e so benissimo che si danno di quegli assalti, da’ quali l’uomo più saggio non si sa difendere. Se il volto della signora Rosaura avesse fatto qualche impressione nel vostro cuore, malgrado ancora della vostra virtù, vi compatirei infinitamente, perchè la nostra miserabile umanità per lo più è soggetta a soccombere. Solo vi pregherei a confidarmelo, a svelarmi colla vostra bella sincerità quest’arcano, e vi prometto da uomo d’onore, che se vi sentite qualche ripugnanza nel difendermi contro Rosaura, vi lascierò nella vostra pienissima libertà, vi dispenserò dall’impegno in cui siete, e se non credessi di offendere la vostra delicatezza, vi esibirei tutto il prezzo delle vostre fatiche, e di più ancora, per animarvi a1 confidarmi la verità.

Alberto. Sior Florindo, v’ho lassà dir, v’ho lassà sfogar senza interromper, senza defenderme; adesso che avè fenio, brevemente parlerò mi. Che la nostra umanità sia fragile, no lo nego; che un omo savio e prudente se possa innamorar, ve l’accordo; ma che un omo d’onor se lassa portar via da una cieca passion, col pregiudizio del so decoro, della so estimazion, l’è

  1. Così l’ediz. Bettin.; sbagliano le altre: per animarvi e.