Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/485

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'AVVOCATO VENEZIANO 471

Alberto. Tutti i omeni d’onor se regola in sta maniera. Quando vede un avvocato in renga, disè pur francamente: quell’orator xe tanto trasformà nella persona del so cliente, che l’è incapace d’una minima distrazion.

Lelio. Ammirerò con sentimento di giubilo questa vostra magnanima azione.

Alberto. No gh’averò gnente de merito a far el mio dover.

Lelio. Mi dispiace per altro infinitamente aver dato motivo al vostro cuore di qualche pena. Credetemi, l’ho fatto inncentemente, e ve ne chiedo scusa di cuore.

Alberto. Se in tutte le operazion se vedesse le conseguenze, l’omo no falleria cussì spesso.

Lelio. Non mi mortificate d’avvantaggio. Ne provo una pena non ordinaria.

Alberto. Ma! l’è cussi. Chi non conversa, è salvadego. Chi conversa, precipita.1 Felice el mondo, se se usasse per tutto delle oneste e savie conversazion, composte de zente dotta, prudente e de sesso egual. Queste xe quelle che rende profitto ai omeni, decoro alle città, bon esempio alla zoventù. Da queste vien fora quei grand’omeni, pieni de bone massime e de dottrina, nati a posta per el pubblico e privato ben. El studio no profitta tanto, quanto l’uso delle oneste e dotte conversazion. Studiando se impara con fatica2 e con pena, conversando se impara con facilità e con piaser, perchè unendose quel utile dulci, tanto commendà da Orazio, l’omo se istruisce nell’atto medesimo che el se diverte. Ma le massime de bona educazion le m’ha trasportà a segno, che più no me ricordava della mia causa. Cussì, quando tratterò la mia causa, sarò trasportà intieramente in quella; e dopo, sollevaà dalla grand’azion, che requirit totum hominem, pol esser che me lassa allettar dall’amor, che xe la più forte, la più3 violente passion della nostra miserabile umanitàr (parte)

  1. Bett. e Pap. aggiungono: Par che no ghe sia altro divertimento che zogo, crapula e donne. El zogo rovina la borsa, la crapula precipita la salute, le donne, per el più, le leva el giudizio.
  2. Così tutte le edd. invece di fadiga.
  3. Bett.: e la più.