Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/502

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



timo ste belle rason. Compatirne, compare Balanzoni, ma sta volta l’amor de! sangue v’ha fatto orbar. La xe vostra nezza (a), ve compatisso. El dise: quando el donator ha fatto sta donazion, giera dodes’anni ch’el giera manda, fin allora no l’aveva abìi floi, onde el se podeva persuader de non averghene più. Vardè se questa xe una rason da dir a un Giudice de sta sorte. Quanti anni gh’aveva la siora Ortensia Aretusi, quando Anselmo so mario ha fatto sta donazion? Vardè (’), sior lettor caro, a carte otto, tergo.

Lettore. (Quarda a carie otto e legge) Fede della morte della signora Ortensia Aretusi...

Alberto. No, no, otto tergo.

Lettore. Fede della morte...

Alberto. Tergo, tergo.

Lettore. (Lo guarda e ride con modestia.)

Alberto. Ah! no savè cossa che vuol dir tergo? E sì a muso lo doveressi saver. Vardè da drio alle carte otto. (Oh che bravo lettor!)

Lettore. Fede come nelV anno 1 125

Alberto. Che xe l’anno della donazion.

Lettore. L,a signora Ortensia, moglie del signor Anselmo Aretusi, aveva...

Alberto. Aveva...

Lettore. Anni..,

Alberto. Anni...

Lettore. Trentadue...

Alberto. Trentadue...

Lettore. Ed era in quel tempo...

Alberto. Basta cussi, che me fé vegnir mal. La gh’aveva 32 anni, e so mano desperava de aver più fìoi? No l’aveva miga serra bottega, per dir che no ghe giera più capital. Oh! che caro sior Dottor Balanzoni! Sentì più bella: con sta fede, el padre (a) Nezza, nipote. (I) Bett. e Pap.: vardemo.