Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/509

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Colombina. Sei un buffone.

Beatrice. Ed io non posso sapere come sia la cosa, (si sente piochiare) E stato picchiato. Colombina, va a vedere.

Colombina. Vado subito. Se la signora Rosaura ha vinto, mi darà la mancia. ArL-ECCHINO. La spartiremo metà per un.

Colombina. Sì, come hai spartiti li due zecchini. (parie)

Beatrice. Che cosa dice di due zecchini?

Arlecchino. Che dirò mi. La sappia che i do zecchini... siccome el candelier del sior Conte Ottavio; anzi, per la sentenza del signor Dottor Balanzoni, i ho trovadi mi; e Colombina, per amor delle faccende de casa... Ma no, la sappia che mi(i) son omo onorato, che el candelier l’era sul tavolin, e così...

Beatrice. Va al diavolo, sciocco.

Arlecchino. Servitor umilissimo. (parie

SCENA VI.

Beatrice, por Alberto, poi Colombina.

Beatrice. Costui non sa mai quel che diavol si dica. Ma ecco il signor Alberto (2).

Alberto. Ghe domando scusa, se me son preso l’ardir d’incomodarla. (3)

Beatrice. E bene, come è andata la causa?

Alberto. La causa l’ho guadagnada, ma ho perso el cuor.

Beatrice. E la povera signora Rosaura ha persa la lite?

Alberto. E la povera signora Rosaura ha perso la lite, (sospira)

Beatrice. Sì, fate come il coccodrillo, che uccide e poi piange.

Alberto. Se la vedesse qua dentro, no la dirave cussi. (4) Son qua da eia, za che la gh’ha tanto amor per siora Rosaura e tanta bontà per mi, son qua a pregarla con tutte le vissere, con tutto (1) Bett. e Pap.: Ma sii do zecchini, la sappia, siora, perchè mi ecc. (2) Bett. e Pap. aggiungono: da esso potrò rilevare la verità. (3) Segue nelle edd. Bett. e Pap.: Un affanno crudel me sprona a vegnirme a sfogar con eia, za che la xe a parte de quelV amor infelice che passa Ira siora Rosaura e mi. (4) Segue nelle edd. Bett. e Pap.: « Beatr. Ma, signor Alberto, che pass’io far per servirvi? Alb. Son qua da eia ecc. »