Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/510

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



el cuor, a rappresentarghe el mio rincrescimento, assicurarla del mio dolor.

Beatrice. Io non ho difficoltà di farlo, ma quest’ufficio sarebbe grato alla signora Rosaura, se lo faceste da voi.

Alberto. La vede ben, a mi no me xe lecito de andarla a trovar a casa. No ghe son mai sta; per nissun titolo me posso ter una tal libertà.

Beatrice. Trattenetevi qui. Può essere che ella venga a sfogar meco le sue passioni. Alberto (’). El ciel volesse che la vegnisse! Chi sa? Se la gh’ha per mi quell’istessa bontà che la mostrava d’aver, gh ho un progetto da farghe, che me lusingo la poderà risarcir.

Colombina. Signora padrona, è qui la signora Rosaura che vorrebbe riverirla.

Alberto. La fortuna me favorisse (2).

Beatrice. Dille che è padrona.

Colombina. (Poverina! è molto malinconica! Causa questo signor Veneziano! ) (parie)

Beatrice. Eccola, signor Alberto.

Alberto. Oimè! che sudor freddo! Tremo tutto. Per amor del cielo, la lassa che me sconda per un pochette; voi sentir come che la pensa de mi (3).

Beatrice. Vedete; in questa camera non vi è altra porta che quella: da dove, se uscite, incontrate per l’appunto la signora Rosaura. Sentitela che sale le scale.

Alberto. Se la me assalta con collera, dubito de morir sulla botta. La prego, la lassa che me sconda sul pergolo (a), che me serra drento, che senta con che caldo la concepisse el motivo della so desgrazia. Cara eia, no la ghe diga gnente. La me fazza sto piaser (4). (a) Sul pergolo, sul poggiolo o sia terrazzino. (1) Nelle edd. Bett. e Pap. così dice Alberto: Se la Vegnisse qua, mi scamparla. Non gh’ho cuor de vederla. No gh’ho coraggio de slarghe a fronte. Prevedo i so rimproveri, le so smanie. Me atterrisse l’imagine della so collera giustamente eccitada dalla mia crudeltà. (2) Così invece nelle edd. Bett. e Pap.: (Ah poveretto mi J) (3) Bett. e Pap.: Per amor del cielo I la lassa che vaga via, o che me sconda. (4) Bett. e Pap.: sta carità.