Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/517

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'AVVOCATO VENEZIANO 503

Dottore. Consolatevi, che le ha rinunziate.

Florindo. Come! Dove è il Conte?

Dottore. È ritornato alle sue montagne, e prima di partire, con un monte di villanie, mi ha restituita la scrittura stracciata; ed eccola qui.

Alberto. Co l’è cussi, podemo sposarse1 quando volemo.

Rosaura. Io dipendo dai vostri voleri.

Beatrice. Animo, animo, chi ha tempo, non aspetti tempo.

Alberto. Ecco che alla presenza del so sior zio, del sior compare, e de sior Lelio ghe dago la man.

Rosaura. Ed io l’accetto, e prometto di essere vostra sposa.

Alberto. Siora Rosaura, mia cara sposa, mia diletta muggier, adesso xe el tempo de metter in pratica quella bella virtù che fin al presente l’ha coltivà. Ela passa dal stato felice della libertà a quello laborioso del matrimonio. Mi ghe vôi ben, sempre ghe ne vorrò; in casa mia spero che gnente ghe mancherà. La meno in una gran città, dove abbonda le ricchezze, i spassi, i divertimenti. Ma giusto per questo, la se prepara de metter in opera tutta la so virtù. Dell’amor del mario no la se ne abusa; del stato comodo no la se insuperbissa; i spassi e i divertimenti la i toga con moderazion. Perchè l’amor se coltiva coll’amor; le fameggie se conserva colla prudenza; i divertimenti i dura, co i xe discreti. La compatissa, se cussì subito, e a prima vista, ghe fazzo una specie de ammonizion, perchè se tutti i maridi fasse sta lizion alla sposa el dì delle nozze, se vederave manco matrimoni odiosi, manco fameggie precipitade, manco femene descreditade. Perchè no ghe xe cossa che rovina più la muggier, quanto la condiscendenza del poco savio mario.

Fine della Commedia.



  1. Così Bett.; tutte le altre edd.: sposare.