Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/617

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO PRIMO.

SCENA I.

Pantalone. Sior Dottor, adesso se lezerà el testamento del quondam sior Petronio vostro fradello, e se vu sarè l’erede, o se vu sarè el tutor de Rosaura so fia, son pronto a darve tutto, fina in t’un bezzo. L’ è morto in casa mia, ma l’ è morto in casa de un galantomo. Semo stai compagni de negozio, e s’avemo voleste ben come do fradei. Ghe son sta fedel in vita, ghe sarò fedel anca dopo morte; e me schioppa el cuor, co penso che missier Giove m’ha porta via la cossa più cara che gh’aveva a sto mondo. Sior nodaro, l’averza el testamento e la leza. Anemo, sior nodaro, che la ne cava tutti de pena. (Povero missier Petronio, el me fa pianzer dall’allegrezza), (da sé (Siora Rosaura no la vorrà perder la so fortuna). (da sé Pantalone, Sior Dottor, ave sentio. Per adesso no ghe xe gnente per vu.

Dottore. Se non ci è niente per ora, ve ne sarà col tempo, (s’alza)

Pantalone. Poi esser sì, e poi esser no.

Dottore. Son Dottore, son legale, e tanto basta.

Pantalone. Le vostre cabale no le me fa paura.

Florindo. Se Rosaura non prende me per marito, se ne pentirà assolutamente.

Pantalone. La defenderò a costo del mio sangue.

Florindo. Consumerete inutilmente tutte le sue facoltà.

Dottore. Gli faremo dare un economo.