Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/618

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. A Pantalon un economo? In Piazza son cognossù. Se ghe sarà sospetto della mia amministrazion, ve darò tutto Rialto per sigurtà.

Pantalone. Brighella, vu, che si ben che se servitor, gh’ave più giudizio dei vostri paroni, illumineli, e feghe cognosser in che inganno che i xe. Arrecordeve che sé sta arlevà in casa mia, e che el ben che gh’ave, lo dovè recognosser da mi.

Brighella. So el debito mio. No son de quei servitori, che gh’ha per vanagloria de spuar in quella scuella, dove che i ha bevù. Son sta arlevà in casa soa, e la m’ha fatto del ben. E vero che son in obbligo de obbedir quei che me dà el salario. Ma a logo e tempo, me recorderò del mio primo padron, e invece (•) de alimentar sto fogo, procurerò de buttarghe dell’acqua. (parte)

Pantalone. La rason me defende: la lezze me assiste: la giustizia no me poderà abbandonar. Grazie al cielo, semo a Venezia. Qua le cabale non le fa colpo; le busie no le se ascolta; le prepotenze no le vai gnente. Sior nodaro, la vegna ancuo ai mio mezza, che la sarà sodisfada.

SCENA II.


Pantalone. Fio mio, cossa distu de sta fortuna de casa nostra? Sior Petronio obbligando Rosaura a sposarme mi, el me lassa erede de tutto el suo. Se avesse dovesto separar la so parte dalla mia, e dar a Rosaura la porzion de so pare, per nu altri el giera un tracollo. No xe tutto oro quel che luse. Gh’avemo un gran credito; gh’avemo dei gran capitali, ma gh’avemo anca dei debiti. Cussi nissun sa i fatti nostri, se tira avanti el negozio, continua l’istesso nome, e se fa l’istessa figura. Ma cossa fastu, che no ti parli? Ti vardi el cielo e ti sospiri? Te dispiase che to pare abbia abuo sta fortuna? Gh’astu forsi paura che maridandome mi, no ghe pensa a maridarte ti? No, Ot(I) Te»lo: invaze.