Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/619

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



tavio, no te dubitar; ti sa quanto ben che te voggio; penso a ti più che a mi medesimo, e se passo alle segonde nozze, lo fazzo strascina per forza, più tosto per meggiorar la to condizion, che per sodisfar el mio genio. Cerchete una putta savia e da par too. Te la darò volentiera. Se ti voi esser paron, te farò paron. Manderò fora de casa quel ganimede de Lelio mio zenero, e quella matta de mia fia, zelosa de quel bel fusto. Se anca Rosaura, to maregna, te darà suggizion, me retirerò con eia in campagna e te lasserò in libertà. Cossa vustu de più? To pare cossa porlo far de più per ti? Via, fio mio, via, Ottavio, consòleme, fatte veder aliegro, corrispondi con amor al to povero pare, che sparzerave per ti anca el sangue delle so vene. Ma da cossa procede mai sta malinconia? Qualche causa ti gh’averà. So che no ti xe de temperamento malinconico. T’ho visto per el passa aliegro e gioial. Ti sa che ti gieri l’unica mia conversazion, e che me compiaseva tanto delle to lepidezze, che stava le ore a gòderte come una morosa. Perchè t’hastu da un momento all’altro cussi scambia? Ah Ottavio, recordete che tutti i estremi i deventa viziosi. Pensar alla morte xe ben, ma pensarghe in sta maniera xe mal. Chi gh’ha tanta paura della morte, fa conoscer che l’ama troppo la vita. Pensa a viver ben, se ti vuol morir ben; lassa andar la malinconia, applica ai to interessi: tiote qualche onesto piaser; Ma obbedisci to pare; e no te lassar chiappar dalla passion. Mi son tanto più vecchio de ti. Ho da morir avanti de ti; anzi poco più posso viver, e pur no me voi travaggiar, e vivo da omo onesto, per morir da omo contento. Fio mio, sta aliegro, dame sta consolazion; e pò disponi de mi, della casa, del negozio, de tutto, che te fazzo paron. (Gran amor xe r amor del pare), (da se) Tiò, che te lo dago de cuor. (gli dà un bacio e parte