Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/620

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA XI.


Pantalone. Coss’ è, fio mio, cossa fastu qua?

Ottavio. Stavo consolando la signora Rosaura, che piange amaramente la morte del suo genitore.

Pantalone. Ma ti ti la puoi consolar poco, che ti xe malinconico più de eia.

Ottavio. È più facile consolare altrui, che se stesso.

Pantalone. (Dime, sala gnente del testamento?) (in disparte)

Ottavio. (Sa tutto. Io l’ho avvisata).

Pantalone. (Sala che mi ho da esser so mario?)

Ottavio. (Anco questo le ho detto).

Pantalone. (Come l’intendela?)

Ottavio. (Si è mostrata rassegnatissima).

Pantalone. (Disela che sia troppo vecchio?)

Ottavio. (Non l’ho sentita dolersi di ciò!)

Pantalone. (Sastu che la gh’abbia nessun amoretto?)

Ottavio. (Io non so i fatti suoi. Signor padre, vi riverisco), (parte)

Pantalone. (Oh caro! La luna ha fatto el tondo. Adesso mo bisogna che studia un poco de rettorica per persuader sta putta a no dir de no. Una volta in mar de Cupido navegava col vento in poppe, ma adesso ho sbassa le vele, ho perso el timon, e se voggio chiappar porto, bisogna che me fazza strascinar dcJ remurchio). (da sé)

Rosaura. (Oh Dio! in qual cimento mi trovo). (piange)

Pantalone. Pia mia, basta cussi, no pianzè più. Vostro sior pare, bona memoria, una volta o l’altra l’aveva da morir. Compatisso el vostro dolor, ma finalmente podè consolarve che el v’ha lassa tutto, che sarè una donna piuttosto ricca, e che se ave perso un pare che ve voleva ben, gh’avere un mario che ve adorerà.

Rosaura. (Sospira.)

Pantalone. Sto sospiro cossa mai vorlo dir? Pianzeu el pare che ave perso, o el mario che ave acquista? Cara la mia putta, diseme la verità, sareu contenta de tiorme mi? Ve degneu de sto povero vecchio? Sentì, fia mia, chi sposa un