Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/621

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



vecchio poi pentirse per un capo solo, ma chi sposa un zovene poi pentirse per cento capi.

Rosaura. Signor Pantalone, per carità, lasciatemi in quiete; nel giorno in cui è morto il mio genitore, non ho animo per sentirmi parlar di nozze.

Pantalone. Disè ben, gh’ave rason; ma no veggio che ve lasse chiappar tanto dalla malinconia. Voggio che stemo aliegri, e voggio ch’el nome de sposa ve fazza passar el travaggio de fia. Vedere chi son, vedere se saverò contentarve. No credè che ve voggia far andar all’antiga. Si ben che son vecchio, son anca mi de bon gusto. Ve farò tutto quel che volè. Sentì, colonna cara, no gh’abbiè paura che ve voggia tegnir in casa serrada. No son nemigo delle conversazion...

Rosaura. Signore, voi credete di consolarmi, e mi tormentate.

Pantalone. Ve songio forsi odioso? Ve fazzio fastidio? No me volè? Parleme con libertà.

Rosaura. Per ora il mio cordoglio non mi lascia in libertà di spiegarvi i miei sentimenti.

Pantalone. Via, lasserò che pianzè, lasserò che sfoghè la vostra passion. Tornerò da vu avanti sera; ma arrecordeve, che drento d’ancuo ave da darme qualche bona risposta. Pensè ai casi vostri, arrecordeve che sposandome mi, se parona de tutto, che no tiolendome mi, ave perso tutto. Conseggieve colla vostra prudenza. Penseghe ben, e considerè che chi ve parla ve ama, ve stima, desidera el vostro ben, ve offerisse assistenza, e ve dona el cuor. Sì, cara, el ve dona el cuor.

SCENA XIII.


Brighella. Digo che l’ha fatto mal, perchè finalmente eia xe fio de una so sorella, e noi l’aveva da privar dell’eredità. Ma la siora Rosaura corrispondela all’amor de vussioria?