Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/622

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



L’ è una mala cossa el far l’amor da so posta, co no se xe seguri della corrispondenza. La me perdona, questi i è remedi troppo violenti, che i podaria precipitar el sior Pantalon, e anca eia in tei istesso tempo. Finalmente el povero galantomo l’ha procura el so interesse...

Brighella. Mi no gh’ho nissuna passion per el sior Pantalon; parlo per eia, e no vorave vederlo precipita e senza frutto. Cossa ghe gioverave far de tutto per conseguir la siora Rosaura, quando pò eia no l’acconsentisse a esser so muggier.

Florindo. Perchè ha da ricusarmi? Ho io difetti tali, che meritino una repulsa?

Brighella. No digo questo; ma la sa cossa che xe le donne, capricciose e bizzarre. Vedendo che per averla vussioria usa delle violenze, la se poderia ustinar, e dir no lo voggio.

Florindo. Dunque che mi consigli di fare?

Brighella. Mi diria, procurar de parlar con eia; assicurarse del so amor, e pò penseremo.

Brighella. Vedela? cussi va ben. Questo se chiama operar con giudizio.

Florindo. Ora pensar conviene al modo di poterle parlare.

Brighella. Bisognerà aspettar qualche congiuntura. Sta notte? Come vorla far? Ma no vorria che nascesse per causa mia...

Brighella. No, no la fazza, per amor del cielo.

Florindo. O fammi parlar con Rosaura, o io farò delle pazze risoluzioni.