Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/623

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Via, la vorrò contentar. Arlecchin ha da esser mio cugnà. Spero che el me farà sto servizio. Vedo averzer la porta. La se retira, e la me lassa far a mi.

Florindo. Opera a dovere, se ti preme la tua e la mia vita, (parte

SCENA XIV.


Brighella. Ho piaser d’aver ripara al pericolo del sior Pantalon. El xe sta el mio padron, el m’ha fatto dei benefizi, e no me li posso scordar. Son obbliga servir chi me paga, ma sin a un certo segno; procurar de contentarlo, contribuir alle so soddisfazion, ma dentro i limiti, senza precipizi e senza arrischiar la vita de nissun. Cussi ha da far un servitor fedel, un omo onorato e cussi... Ma vien Arlecchin fora de casa; el capita giusto a tempo; me valere de lu.

Arlecchino. Cossa diavolo fa sta femena, che no la vien?

Brighella. Cugnado, te saludo.

Arlecchino. Co ti me dis cugnà, ti me consoli, ma gh’ho paura...

Brighella. Niente, te l’ho promesso, mia sorella sarà to muier. Vien co mi, che t’ho da parlar.

Arlecchino. Caro cugnà, no posso vegnir.

Brighella. Perchè non pustu vegnir?

Arlecchino. Perchè aspetto Colombina to sorella, che l’è fora de cà, e me preme de vederla, e ghe voi parlar.

Brighella. Ti ghe parlerà un’altra volta. Andemo.

Arlecchino. M’ è vegnù in mente una cossa; se no ghe la digo subito, me la scordo.

Brighella. Coss’ èia sta gran cossa?

Arlecchino. L’ è, che voi dirghe quando la se destriga de torme per mari.

Brighella. Eh, ti ghel dirà un’altra volta.

Arlecchino. Bisogna che ghel diga adesso.

Brighella. Mo perchè adesso?

Arlecchino. Perchè me sento inasinido per el matrimonio.

Brighella. Via, andemo; ghe parlerò mi.

Arlecchino. Mo sior no; voi far mi.