Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/624

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Vien via, che t’ho da parlar.

Arlecchino. Làsseme concluder con to sorella, e pò ti me parlerà.

Brighella. Te prometto che in sta zomada mia sorella sarà to muier.

Arlecchino. Varda come che ti te impegni!

Brighella. Te lo prometto.

Arlecchino. Varda che ti ghe penserà ti.

Brighella. Son galantomo; co prometto, no manco. Ma anca ti ti ha da far una cossa per mi.

Arlecchino. Man’deme, e farò tutto quel che ti voi.

Brighella. Andemo; qua in pubblico no te voio parlar.

Arlecchino. Son con ti, ma... arrecordete. No posso più.

SCENA XV.


Arlecchino. Cugnà, no vegno altro.

Brighella. Perchè?

Arlecchino. La calamita me tira de qua. (accenna Colombina)

Brighella. Andemo. Ghe parlerò.

Arlecchino. Parleghe e pò vegnirò.

Brighella. (L’ è meio che me destriga), (da se) Sorella, ve reverisso.

Colombina. Buon giorno, fratello.

Arlecchino. (Via, da bravo, aspetto la risposta), (piano a Brighella)

Brighella. (Quando femio sto matrimonio con Arlecchin?) (piano a Colombina)

Colombina. (Mai).

Brighella. Come!...

Arlecchino. (Cossa hala dito). (piano a Brighella)

Brighella. (Che no la vede l’ora), (piano a Arlecchino) (Gh’ave pur promesso). (piano a Colombina)

Colombina. (Non lo posso vedere). (piano a Brighella)

Arlecchino. (Me vorla ben?) (piano a Brighella)

Brighella. (La ve adora), (piano ad Arlecchino) (Donca no lo voli sposar?) (piano a Colombina)

Colombina. (No, assolutamente). (piano a Brighella