Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/625

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. (Son vostro fradello, e m’am da obbedir). (piano a Colombina)

Colombina. (Caro signor fratello, non vi stimo un corno). (piano a Brighella)

Arlecchino. (Cossa disela ì) (piano a Brighella)

Brighella. (Parlemo della dota). (piano ad Arlecchino)

Arlecchino. Via, concludemo.

Brighella. Animo, destrighemose.

Colombina. M’avete inteso?

Brighella. Avi stabilido cussi )

Colombina. Così senz’altro.

Arlecchino. Via, quando l’ha stabilido cussi, sarà cussi.

Brighella. Saiì contento? (ad Arlecchino)

Arlecchino. Contentissimo.

Brighella. E VU? (a Colombina)

Colombina. Arcicontenta.

Brighella. Me ne rallegro.

Arlecchino. Me ne consolo.

Colombina. La riverisco. (entra in casa)

Arlecchino. Cugnà, andemo? Te son obbligado. Va là che ti è un omo de garbo. (parte)

Brighella. Adesso che ti è maridà, ti sta ben. (parte

SCENA XXI.


Pantalone. E1 cielo ne delibera, che la fusse una de quelle che parla. Cossa averavela mai podesto dir de più? Rosaura fa l’amor co mio zenero? La ghe tende, si ben che l’ è maridà? Adesso capisse perchè con tanta freddezza la parla con mi, e perchè la gh’ha difficoltà a accettarme per so mano. Bisogna che la sia incocalia per colù. No la sarà ve la prima putta, che avesse dà in t’una debolezza de sta natura. Ma mi ghe remedierò. Beatrice dise ben. Lelio fora de casa. Ma stimo quella cara siora Rosaura. Credeva che la pianzesse per le morto, e la suspirava per el vivo. No so cossa dir. No se