Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/641

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA XV.


Brighella. Son qua, signor. I denari i è a casa, e sior Florindo li conta.

Dottore. Dimmi un poco, Brighella, cosa si diceva stamattina, in Piazza, del signor Pantalone?

Brighella. Che l’ è un ricco marcante, che tutti i so negozi i va ben, e che quanto prima el sarà in grado de cambiar stato.

Dottore. Tu non m’hai detto così, due ore sono.

Brighella. L’è vero, non ho dito cussi. Me cavo la maschera, e parlo liberamente senza paura e senza rossor. Quelle tre lettere, che ha fatto creder a vussioria el fallimento de sior Pantalon, le ho inventade mi, e co sto mezzo ho procura che nassa un aggiustamento utile e onesto per una parte e per l’altra. Sior Florindo prevalendose de un mio conseggio, el s’ha introdotto de nottetempo m casa de siora Rosaura, ma el s’ha avanza a levarghe la reputazion. Mi gh’aveva el rimorso d’esser sta la causa innocente de sto gran mal, e mi ho trova el remedio, conossendo che el timor de perder tutto, podeva indur el zio e el nipote a contentarse de poco.

Dottore. Quest’ è un tradimento.

Pantalone. Gnente, compare. Za, se la sposava mi, no ve toccava un bezzo. Godeve i diesemille ducati in pase, e no ghe ne parleremo mai più.

Pantalone. S^rifìcada perchè son decrepito?

Brighella. No vedela, sior padron, quanto meggio che l’ è averla aggiustada così? Quanto più bon prò ghe farà quei diesemille ducati... (al T)ottore

Dottore. Non sono miei, sono di mio nipote.

Pantalone. Ghe n’avere anca vu la vostra parte.

Dottore. Signor Pantalone, siate anche voi discreto. Godetevi la pingue eredità, ma... non so se mi capite.

Brighella. Via, sior Pantalon, la sia generoso col sior Dottor, r è galantomo.