Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/640

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Sarà per so grazia, non per mio merito.

Dottore. Via, non perder tempo.

Brighella. Vado subito. (La cossa la va ben, che no la poi andar melo). (entra in casa di Pantalone

SCENA XIII.

Pa>4TALONE. Com’eia, patroni? Semio giustai? Orsù, se le cosse no se giusta per sto verso, le finiremo in t’un altro. Cossa disc el testamento? Che se siora Rosaura me sposa mi, la sia erede de tutto. No xela la verità? Caro Ottavio, ti falli. No la giera disposta per mi, perchè la sperava de averte ti; la vede che no ti la vuol, che ora con un pretesto, ora con un altro, ti la scampi e no ti la curi, la s’ha risolto de darme la man. Newero, colonna cara? (a Rosaura Vardè che maraveggie! La me sposerà. Ve manco de parola, perchè el vostro sior nevodo no se contenta. El progetto giera questo: che siora Rosaura sposasse Ottavio mio fio, che el sior Dottor e sior Florindo rinunziasse a ogni pretesa sul testamento, e in premio de sta renunzia mi ghe dava subito belli e lampanti diesemille ducati. Caro sior zenero, vardè che de là ghe xe un nodaro. Diseghe che el vegna. Subito, subito. Oe, siori, vegnì avanti.