Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/639

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ho fatto, l’ho fatto unicamente per eia. Queste le son tre lettere; la fazza quel che la voi. (gli dà tre lettere (Credo anca mi; l’ è bollada a posta). (</a aè Cossa disela? Se ghe digo; l’ è un fallimento terribile. Poverazzo! El va a cercar la limosina.

Brighella. E adesso i creditori de Venezia i salterà su, e i ghe porterà via el resto.

Dottore. E Rosaura resterà miserabile.

Brighella. Se sior Florindo la sposa, el sta fresco.

Dottore. Oh, mio nipote non la sposerà.

Brighella. Za el lo fava per la dote, più che per cmior.

Brighella. De ste lettere, per amor del cielo, no la diga gnente.

Dottore. Non dubitare. Le terrò celate.

Brighella. Bisognerà che le boUemo, e che le demo a sior Pant2don.

Brighella. Qualche bella cessa, degna del so spirito.

Dottore. Andiamo dal signor Pantcìlone.

Brighella. La varda che noi ghe fazza qualche malagrazia. La sarà servida. Farò le cosse pulito.