Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/638

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Circa a questo, l’ è un pastizzo che va poco ben; ma gh’ è de pezzo.

Dottore. Cosa v’ è?

Brighella. La ditta o sia la ragion Bisognosi e Balanzoni, l’ è sul momento de dover fallir.

Dottore. Oh diavolo! Come lo sai?

Brighella. Conossela el sior Pancreizio Ragusi?

Dottore. Lo conosco, è un mercante di credito.

Brighella. El so complimentario l’ è un mio paesan, amigo e patron da tanti anni, che s’avemo conossìi ragazzi. El m’ha confida in segretezza, che da più lettere vien avvisa el so principal del fallimento de sta ditta, onde l’è andà in sto momento a trovar un fante, per far bollar e sequestrar al sior Pantalon per un credito de diese mille ducati. La senta. Ho dubita anca mi; me dispiaseria infenitamente sto caso, no per sior Pantalon, ma per eia. Sala cossa che ho fatto? Son andà alla posta. Ho domanda se gh’era lettere dirette alla ditta Bisognosi e Balanzoni; ghe n’era tre; quei de la posta i me conosse, i sa che son servitor dei parenti, i sa che son un galantomo, i m’ha dà le lettere, e le gh’ho qua.

Dottore. Cosa pensi fare di quelle lettere?

Brighella. Me giera quasi vegnù tentazion de avrirle e de lezzerle, per venir in chiaro della verità. Ma ho pò pensa che a mi no me convien; ghe le porto a sior Pantalon, e da lu sentiremo...

Dottore. Ma Pantalone... potrebbe occultarle. Lasciale vedere a me.

Brighella. Vorla forse avrirle?

Dottore. Sì, può essere che si rilevi ogni cosa.

Brighella. No vorria mo...

Dottore. Cosa temi? Leggiamole, e poi gliele daremo.

Brighella. El se ne accorzerà che le sarà stade averte.

Dottore. Proviamo, se si possono aprire con cautela.

Brighella. No so cossa dir; vussioria è el padron; quel che