Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/637

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO TERZO.

SCENA 1.


Brighella. Come! Sior Florindo ha avudo l’ardir de far un’azion cussi cattiva? Questi no i è stadi i nostri patti. L’ho introdotto in casa per ben, e no per mal; per far meggio, e no per far pezo. Ho procura che el parla co siora Rosaura per disingannarse, se no la ghe corrisponde, acciò reconossendo da eia la so desgrazia, el lassasse de aspirar alla morte o alla rovina de sior Pantalon. Alla fameggia Bisognosi ghe voggio ben; son sta arlevà da putelo dal sior Pantalon, e me son cava de casa soa per un capriccio de gnente, e non ostante i m’ha sempre fatto del ben; adesso vedo l’error che ho fatto, benché senza malizia: me ne pento con tutto el cuor, e spero che Giove me darà el contento de remediar i errori della mia ignoranza col studio della mia sagacità. (parte

SCENA IX.

BrighelL-A. (Ecco el sior Dottor. L’ è tempo adesso de piantar la carota). (da sé)

Brighella. Sior padron, giusto eia andava cercando.

Dottore. Buone nuove?

Brighella. Cattive.

Dottore. Già me l’immaginavo. Farò io, farò io.

Brighella. Prima de far, bisogna pensarghe.

Brighella. L’ha parla.

Dottore. Dice di non volerlo?