Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE FEMMINE PUNTIGLIOSE 111

Florindo. Veramente a mio zio Anselmo ho tutta l’obbligazione.

Pantalone. Credo de sì, l’ha lassà tutto a ela, co l’è morto; el giera la prima ditta de sti paesi, e ela, la me permetta che ghe diga, se la seguiterà el bon ordene de so sior barba, la sarà un dei primi mercanti della Sicilia1.

Florindo. Io, caro signor Pantalone, sono in un grado di non aver più bisogno di far il mercante. Ho tanti capitali, ho tanti crediti, ho tanto denaro in cassa da poter vivere comodamente senza continuare la mercatura.

Pantalone. La me perdona, se me avanzo troppo. Cossa gh’ala d’investìo?

Florindo. Oh, poco! A riserva d’un bel palazzo per villeggiare, con tre o quattro campi tirati a giardino, non ho poi comprato nè terreni, nè case.

Pantalone. La senta, e l’ascolta un omo vecchio, pratico delle cosse del mondo, interessà per i so vantazzi. I bezzi i se spende, e quando che in tel scrigno se cava e no se mette, presto se ghe vede el fin. La mercanzia la val poco in te le man de chi no seguita a negoziar, e i crediti i gh’ha la so gran tara, e no se scuode quando che se vol. Voggio mo dir che continuando a negoziar la pol mantegnir e aumentar i bezzi e el capital; che lassando el negozio, la pensa almanco a investir, per no aver un zorno da suspirar. La xe zovene, la xe novizzo; probabilmente l’averà dei fioi; a questi, anca solamente previsti, semo obbligai a pensar. La fazza conto de ste parole, e la le receva da un omo, che per etae, per amor e per debito, se protesta d’esserghe come pare.

Florindo. Caro il mio amatissimo signor Pantalone, voi siete pieno di bontà per me, vi ringrazio de’ salutevoli documenti, e vi prometto di porli in pratica.

Pantalone. Quando la crede che mi ghe diga la verità, e che la sia persuasa de voler mantegnir in credito la so ditta, mi

  1. Bett.: dell’Europa. Manca poi nell’ed. Bett. il resto di questa scena, fino alle parole di Florindo: Quanto prima tornerò ecc.