Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE FEMMINE PUNTIGLIOSE 177

Pantalone. Poderavela a un omo che ghe vol ben, come mi, confidar qual sia la so resoluzion?

Florindo. Ho mandato quattri uomini a bastonare i servitori di quelle dame e di quei cavalieri, che al festino mi hanno fatto l’affronto.

Pantalone. Oh bella vendetta! Veramente eroica e da omo de garbo! No me posso tegnir, bisogna che diga quel che sento, e la me cazza via se la vol, che la gh’ha rason. Per un affronto recevudo dai patroni, far bastonar i servitori? Con che rason? Con che lezze? Con che conscienza? Che colpa gh’ha i servitori in tei mancamenti dei so patroni? A questo la ghe dise risarcimento dell’offesa? A questo mi ghe digo ingiustizia, crudeltà, barbarità; ghe digo maltrattar l’innocente, senza vendicarse dell’offensor. Ma po, se parlemo della vendetta, che razza de vendetta xe questa? Ghe voi assae a trovar quattr’omeni, che a sangue freddo bastona quella povera servitù? Sior Florindo caro, tutte pazzie, tutti inganni della fantasia, inganni dell’ambizion, che lusinga i omeni e ghe dà da intender che la vendetta più facile sia la più vera, e che per vendicarse del reo, sia lecito opprimer anca l’innocente.

Florindo. Ma dunque1, che specie di vendetta mi consigliereste voi che io facessi?

Pantalone. Prima de tutto ghe dirò che la vendetta non xe mai cossa lecita in nissun tempo, in nissun caso. Ma molto manco quando l’offesa provien da qualche principio, che giustifica l’offensor. Me spiego. L’uso de squasi tutti i paesi del mondo xe che in te le conversazion, in te le reduzion, dove se raduna la nobiltà, no se ammetta chi no xe nobile. Mi no ghe digo adesso se sta usanza sia bona o cattiva, perchè no voggio intrar in t’una disputa de sta natura, ma ghe digo ben che bisogna uniformarse al costume; e se la nobiltà, che xe garante de sto so privilegio, per mantegnirlo in osservanza gh’ha fatto un affronto, l’offesa no se pol dir prodotta da un’ingiustizia, ma più tosto cercada da chi l’ha recevuda2.

  1. Bett., Pap. ecc. aggiungono: signor Pantalone.
  2. Bett.: e meritada da chi l’ha recevesta.