Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 ATTO TERZO

Florindo. Dunque, da quel che dite, io ho torto.

Pantalone. La gh’ha torto seguro a pretender quel che nò se ghe convien.

Florindo. Il male l’ha fatto la contessa Beatrice, la quale per cento doppie ha preso l’impegno d’introdurci nelle adunanze1di nobiltà.

Pantalone. Benissimo, el so risentimento la lo revolta contro la contessa Beatrice.

Florindo. Per questo voleva sfidare alla spada il conte Onofrio, suo marito.

Pantalone. Coss’è sta spada? Coss’è sta spada? Anca ela xe de quei che crede che un duello possa resarcir ogni offesa? che una sfida sia bastante a render la reputazion a che l’ha persa? Pregiudizi, errori, pazzie! Sala come che la s’averia da vendicar in sto caso? Ghe dirò mi. Farse dar in drio le cento doppie che i gh’ha magnà. Star qualche zorno a Palermo; spender, goder, star allegramente con zente civil e da par soo, senza curarse de andar colla nobiltà. Far veder che la cognosse el so dover e buttar la broda adosso della contessa Beatrice. Procurar de far servizio a qualche zentilomo, se la pol; reverirli tutti e respettarli, senza desmestegarse2. In sta maniera a poco alla volta tutti ghe correrà drio, e allora la poderà tornar a casa contento, e la poderà dir: no son stà in pubblico colle dame e coi cavalieri, ma le dame e i cavalieri m’ha fatto delle onestà e delle finezze in privato.

Florindo. Questa è una cosa, che mi piace infinitamente; ma non so che cosa avrà risoluto mia moglie.

Pantalone. Mo no la se lassa dominar dalla muggier.

Florindo. Sentirò la di lei intenzione: se sarà uniforme al vostro buon consiglio, l’approverò; quando no, cercherò d’impedirla.

Pantalone. La fazza quel che ghe detta la so prudenza; mi no so più cossa dir. Son vecchio, xe tardi, vago a casa e vago a dormir. Se la vol bezzi, la manda; se la va via, ghe

  1. Bett.: d’introdursi nelle riduzioni.
  2. Addomesticarsi, affratellarsi: v. Boerio cit.