Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/365

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL BUGIARDO 353

SCENA XII1.
Pantalone e Lelio.

Pantalone. L’è curioso quel to servitor. E cussì, come che te diseva, fio mio, t’ho da parlar.

Lelio. Son qui ad ascoltarvi con attenzione.

Pantalone. Ti ti xe l’unico erede de casa mia, e za che la morte del povero mio fradello t’ha lassà più ricco ancora de quello che te podeva lassar to pare, bisogna pensar alla conservazion della casa e della fameggia; onde, in poche parole, vôi maridarte.

Lelio. A questo già ci aveva pensato. Ho qualche cosa in vista, e a suo tempo si parlerà.

Pantalone. Al tempo d’ancuoa, la zoventù, co se tratta de maridarse, no pensa altro che a sodisfar el caprizio, e dopo quattro zornib de matrimonio, i se pente d’averlo fatto. Sta sorte de negozi bisogna lassarli manizar ai paric. Eli, interessai per el ben dei fioid più dei fioi medesimi, senza lassarse orbare nè dalla passion, nè dal caldo, i fa le cosse con più giudizio, e cussi col tempo i fioi se chiama contenti.

Lelio. Certo che senza di voi non lo farei. Dipenderò sempre da’ vostri consigli, anzi dalla vostra autorità.

Pantalone. O ben, co l’è cussì, fio mio, sappi che za t’ho maridà, e giusto stamattina ho stabilio el contratto delle to nozze.

Lelio. Come! Senza di me?

Pantalone. L’occasion no podeva esser meggio. Una bona putta de casa e da qualcossa, con una bona dota, fia d’un omo civil bolognese, ma stabilio in Venezia. Te dirò anca, a to consolazion, bella e spiritosa2. Cossa vustu de più?3 Ho chiappà so pare in parolaf, el negozio xe stabilio.

  1. D’oggi.
  2. Giorni.
  3. Padri.
  4. Figliuoli.
  5. Acciecare.
  6. Ho preso suo padre in parola.
  1. In Bett. è unita alla scena preced.
  2. Bett., Pap. ecc.: vistosa.
  3. Bett., Pap. ecc. aggiungono: M’è cascà el ballon sul brazzal.