Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/440

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
426


V. E. mi ha dato i più efficaci segni di benignità, di amore, allorachè penando io a distaccarmi da quella Compagnia Comica per cui aveva cinque anni sudato, seppe in me compatire le mie onestissime convenienze, diè tempo ad altri di vincolarmi; e allora a braccia aperte mi accolse, quando forse, per il lungo stancheggio, avrebbe potuto ragionevolmente scacciarmi.

Volle il destino ch’io godessi una tal fortuna, e voglio credere che Iddio, il quale vedeva la sincerità delle mie intenzioni, abbia voluto premiarle, concedendomi un bene, che io mi credeva in debito di ricusare. Faccia Iddio parimenti, che vaglia io a corrispondere al dover mio, alle grazie Vostre, all’espettazione del Mondo. Questa, confesso il vero, mi reca qualche apprensione. Da un uomo, che in cinque anni ha dato al Pubblico una sì lunga serie di Comiche Rappresentazioni, alcuni aspetteranno assai più, altri crederanno non poter attendere cosa buona. I primi, fondati sulla ragione che l’arte si migliori coll’uso; i secondi, sul fondamento che l’intelletto dell’uomo abbia tanto più facilmente ad isterilirsi, quanto più rapidamente si è affaticato. Può essere l’uno e l’altro; nè io medesimo saprei decidere una tal questione, la quale sarà poi sciolta dall’avvenire. Se fidarmi volessi d’un certo spirito, che mi anima, di un certo fuoco, che mi rende sollecito a digerire una moltitudine di nuove idee, che mi si affollano in mente, spererei darla vinta a quelli che in me avvantaggiosamente confidano. Tuttalvolta niente più abbonisco di una temeraria prosunzione. Capisco benissimo quanto difficile sia il piacere ad un Pubblico, soggetto anche a stancarsi e a pretendere la novità delle opere e degli Autori. Preveggo purtroppo le avversità degli emuli, le persecuzioni dei malcontenti, ma sordo mi propongo di essere a qualunque voce ingiuriosa degli appassionati nemici, bastandomi che VE. V. in me riconosca l’ardente brama che ho di servirla, e di corrispondere, per quanto a me sia possibile, alle infinite grazie ch’Ella si degna di compartirmi. Per un primo attestato dell’umilissima servitù mia, offerisco e dedico all’E. V. questa Commedia, che ha per titolo l’ADULATORE, ma quel che le offerisco e dedico con maggior animo, egli è tutto me stesso.