Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/503

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'ADULATORE 489

Sigismondo. Parlerò io, se vi piace, in favore di don Filiberto.

Elvira. Fatelo, se l’onore vi suggerisce di farlo.

Sigismondo. Ma se io farò questo per voi, voi farete nulla per me?

Elvira. Nulla, nulla. Andatemi lontano dagli occhi. Non ho bisogno di voi.

Sigismondo. Ecco il padrone, egli vi consolerà.

Elvira. Così spero.

SCENA XXI.
Don Sancio e detti.

Sancio. Che cosa volete da me?

Elvira. Ah, signore! Il povero don Filiberto è carcerato, d’ordine vostro. Che mai ha egli fatto? Perchè trattarlo sì crudelmente? Stamattina lo accoglieste come amico, e poche ore dopo lo fate arrestar dai birri, lo fate porre prigione? Ditemi almeno il perchè.

Sancio. Perchè è un contrabbandiere che ruba ai finanzieri, e pregiudica alla cassa regia.

Elvira. Quando mai mio marito ha fatto simili soverchierie?

Sancio. Quando? Non vi ricordate dei pizzi?

Elvira. Una cosa per uso nostro non è di gran conseguenza.

Sancio. E il sale, e il tabacco, e l’acquavite?

Elvira. Queste sono calunie. Mio marito è un cavaliere che vive del suo, e non va in traccia di tai profitti.

Sancio. Se saranno calunnie, si scolperà.

Elvira. E intanto dovrà egli star carcerato?

Sancio. Intanto.... Non so poi. Dite voi, segretario.

Sigismondo. Le leggi parlano chiaro.

Sancio. Oh bene, operate dunque voi a tenor delle leggi, fate voi quello che credete ben fatto, ch’io vi do tutta la facoltà, ed approverò quello che avrete voi risoluto. Siete contenta di ciò? (ad Elvira)

Elvira. Ah no, signore, non sono contenta.

Sancio. Se non siete contenta, non so che farvi. Ehi. (chiama) In tavola. (parte)