Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/571

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL POETA FANATICO 557

Arlecchino. Oh, che difficoltà! L’è un galantomo, e pol esser che per un per de sonetti el ve daga da disnar.

Tonino. Qua bisogna buttarse in mar, cercar onoratamente de far fortuna.

Corallina. Sento battere.

Arlecchino. Vago a veder. Eh, se no fusse mi che ve agiutasse, poveretti vu. La virtù l’è bella e bona, ma qualche volta una bona lengua val più de una bona testa, e un omo virtuoso, che no abbia coraggio, l’è giusto come un diamante grezzo; onde, come dise il poeta:

          Zoggia che no se netta, è sempre immonda;
          Testa che no se squadra, è sempre tonda.

(parte, poi torna)

Corallina. Eppure anche mio fratello ha dell’estro.

Tonino. Vostro pare no gierelo poeta?

Corallina. E come!

Tonino. Questa xe la fortuna dei fioi dei poeti; se no i eredita altro, i eredita l’estro della poesia.

Arlecchino1. Oe, l’è qua l’amigo.

Corallina. Chi?

Arlecchino. El poeta.

Tonino. Come se chiamelo?

Arlecchino. Domandeghelo a lu, che el ve lo dirà.

Corallina. Che persona è?

Arlecchino. Persona prima, numero singolar. (parte)

Corallina. Non vorrei che mio fratello mi mettesse in qualche impegno.

Tonino. Sè con vostro mario, cossa gh’aveu paura?

Corallina. Mio marito non è solo.

Tonino. E chi ghe xe con vostro mario?

Corallina. A dirlo mi vergogno.

          Vi è quel brutto compagno del bisogno.

  1. Comincia nell’ed. Bett. la sc. VI.