Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/618

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
604 ATTO TERZO

SCENA VII.
Brighella dalla camera di Tonino, e Lelio.

Brighella. Servitor umilissimo, signor Lelio mio patron.

Lelio. Oh Brighella! Che si fa?

Brighella. Eh! Se va facendo qualche cosa cussì bel bello.

Lelio. Bravo, fatevi onore.

Brighella. Comandela sentir un’ottavetta balzana?

Lelio. No, no, non v’incomodate. Ho premura, e me ne devo andare.

Brighella. Un’ottavetta sola.

Lelio. Ma se è tardi.

Brighella. Un’ottavetta, per carità.

Lelio. Via, spicciatevi. (Gran difetto è questo di noi altri poeti!) (da sè)

Brighella.Era di notte, e non ci si vedea,

     Perchè Marfisa aveva spento il lume.
     Un rospo colla spada e la livrea
     Faceva un minuetto in mezzo al fiume.
     L’altro giorno è da me venuto Enea,
     E mi ha portato un orinal di piume.
     Cleopatra ha scorticato Marcantonio,
     Le femmine son peggio del demonio.

Lelio. L’avete fatta voi quest’ottava?

Brighella. Certissimo, l’ho fatta mi.

Lelio. Compatitemi, io non lo credo.

Brighella. No la lo crede? No son fursi anca mi poeta?

Lelio. Sì, ma siete solito a fare qualche verso stroppiato.

Brighella. La s’inganna, per scander i versi no gh’è un par mio. E all’improvviso, all’improvviso.

Lelio. Sì? Bravo. Ditemi qualche cosa all’improvviso.

Brighella. La servo subito. Per obbedire a vostra signoria, Faccio due versi, e poi me ne vado via. (parte)