Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/630

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
616 ATTO TERZO

Tonino.La donna, che fedel gh’ha el cuor in sen,

     No se butta con questo e po con quello,
     Perchè la sa che farlo no convien,
     E al so moroso no la dà martello.
     Ma quella che a nissun za no vol ben;
     No se schiva con tutti a far zimbello.
     Onde chi fa l’amor con più de un,
     Compare mio, non amerà nissun.
Menico.Compare, disè ben, no gh’è nissun
     Che possa contradir quel che disè.
     De provocarve esser vorria a dezun,
     Perchè vu più de mi ghe ne savè.
     Pur in sta radunanza gh’è qualcun,
     Che creder fa che un impostor vu siè.
     Ma mi, che son poeta e Venezian,
     Digo che chi lo dise, xe un baban1.

Lelio. Chi lo dice son io, e sostengo che quello è un impostore, e voi un ignorante. Non voglio più soffrire simili impertinenze. Con questa sorte di gente non mi degno di stare in società. Vada al diavolo l’accademia, straccio la patente, e non mi vedrete mai più. (parte)

Ottavio. Ah, sacrilego profanatore delle vergini Muse! Ma non importa. Vada al diavolo quel satirico pestilenziale. Faremo senza di lui.

Menico.Missier Alcanto, no ve desperè,

     Se Ovano Pazzio alfin v’ha abbandonà,
     Che dei Ovani ghe ne troverà,
     E dei pazzi poeti in quantità.
     Esser poeta bona cossa xe,
     Che onor, decoro alle persone dà.
     Ma in chi la sol usar senza misura,
     La poesia deventa cargadura.

  1. Baban, babbeo, sciocco, uomo rozzo: v. Boerio.