Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, VI.djvu/335

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

323

D. Aurora, e che Guglielmo le porta. Diseghe che ghe le manda una donna prudente, e ghe le porta un omo onorato.

Cameriere. V. S. sarà servita. (via)

SCENA XXII.

Messo e Guglielmo.

Messo. Signore, è lei il signor Guglielmo veneziano?

Guglielmo. Sior sì, son mi.

Messo. Venga subito dal signor Vicerè.

Guglielmo. Son qua. Saveu cossa che el voggia?

Messo. Io non lo so, venga meco, o lo manderà a prendere.

Guglielmo. (Ho inteso, ghe xe del mal; ma no me perdo). Andemo pur, no gh’ho paura de gnente. Son un omo onorato, posso esser calunnia; ma me fido della mia innocenza. In tutte le mie avventure ho sempre salvà el carattere dell’omo onesto; e siccome nissun me pol rimproverar una baronada, cussì son certo che in mezzo alle disgrazie troverò un zorno la mia fortuna; e se altra fortuna no gh’avesse, oltre quella de viver e de morir onorato, questo el xe un ben che supera tutti i beni, la xe una gloria che rende l’omo immortal, e che fa parer dolce tutte le amarezze dell’avverso destin. (via col messo)

Fine dell’Atto Secondo.