Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, VI.djvu/334

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
322

Guglielmo. Fermeve, sior barisello, e avanti de far un affronto a un povero forastier, penseghe ben. Voleu che qua su do pie, ve fazza toccar con man chi xe el ladro, e chi xe el paron de sta borsa. Osservè: vegnì qua, sior Arlechin, vu disè che sta borsa xe vostra.

Arlecchino. Segura che l’è mia.

Guglielmo. Se la xe vostra, saverè che monede ghe xe drento.

Arlecchino. Segura, gh’è delle monede.

Guglielmo. Via, disè su, che monede xele?

Arlecchino. Le xe monede.

Guglielmo. Vedeu, sior barisello. Lu nol sa che monede le sia. Mi ve dirò che monede le xe, e vardè se digo la verità. (dà la borsa al barigello) Una doppia da quattro, tre da do doppie, e diese doppie de Spagna.

Bargello. È verissimo.

Guglielmo. Donca, cossa diseu?

Bargello. Dico che questa borsa è sua, e costui lo condurremo prigione. (fermano Arlechino)

Arlecchino. Aiuto, fermeve, son galantomo.

Paggio. Salva, salva. (via in casa)

Bargello. Briccone, imparerai a fare di quest’azioni. (bargello con Arlechino, e sbirri via)

Guglielmo. Anca questa xe andada ben. Questo voL dir aver fatto el cancellier. In tutte le cose ghe vuol spirito e disinvoltura. Ma cossa hoggio da far de sti bezzi? D. Aurora li manda a D. Livia, e mi no i posso tegnir. Adesso batterò, e se vegnirà qualchedun che me possa fidar, ghe li farò capitar.

SCENA XXI.

Cameriere e Guglielmo.

Cameriere. Cosa comanda?

Guglielmo. (Questo xe el so servitor favorito). Favorime de portar ste vinti doppie alla vostra patrona. Diseghe che le manda