Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

123

Pantalone. Ve degneressi de casa mia?

Rainmur. Monsleur, mi fate onore.

Pantalone. Mio fio ve piaseravelo?

Rainmur. Questo ha da piacere a mia nipote.

Pantalone. E se el piasesse a ela, vu saressi contento?

Rainmur. Monsieur... perdonate... non sarei contento. (con riverenza)

Pantalone. No? Mo per cossa?

Rainmur. Perdonate. (con riverenza)

Pantalone. Donca no stimè la mia casa.

Rainmur. Mi meraviglio. La darei a voi.

Pantalone. E a mio fio no?

Rainmur. No.

Pantalone. Mo perchè a mi sì, e a lu no?

Rainmur. Perdonate. (con riverenza)

Pantalone. Diseme almanco el perchè?

Rainmur. Voi siete onest’uomo, monsieur Pantalone.

Pantalone. E mio fio cossa xelo?

Rainmur. Perdonate ... non è pontuale.

Pantalone. Come lo podeu dir?

Rainmur. Ho prestato a lui cento zecchini, e non me li ha restituiti.

Pantalone. (Oh tocco de desgrazià). (da sè) Via, se nol ve li ha restituidi lu, ve li restituirò mi. Ve fideu de mi?

Rainmur. Sì, monsieur Pantalone.

Pantalone. E se ve risolvessi de dar vostra nezza a mio fio, la dota la riceverave mi, e mi ghe ne saria debitor.

Rainmur. Certamente.

Pantalone. Donca voleu che femo sto matrimonio?

Rainmur. Perdonate. (con riverenza)

Pantalone. Ho inteso. No avè de mi quella fede che disè d’aver. No me credè quell’omo onesto che son. Compare, vu me adulè.

Rainmur. Monsieur Pantalone, voi non mi conoscete. (serio)