Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/324

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. Stassera bisogna parecchiar da cena.

Brighella. Per quanti, signor?

Pantalone. Per cinque, per sie, per otto.

Brighella. La sarà servida.

Pantalone. Caro Brighella, fa pulito, me preme de fanne onor coi mi cari amici ; me preme de farli star ben, de farghe spen- der ben i so bezzi, e perchè le cosse vaga pulito, me contento de remetterghe un zecchin del mio, e anca do, se bisogna.

Brighella. In fatti qua la gh’ha el so unico divertimento.

Pantalone. Mi sì, vede. No godo altro a sto mondo che i boni amici. Ghe n’ho scielto diversi, che me par a mi che i sia della bona lega, e con questi passemo el tempo propria- mente, onestamente, lontani dai strepiti, e fora della suggizion.

Brighella. E pur, sior padron, se la savesse quanti lunari se fa per sta conversazion limitada, per sto logo dove no poi intrar chi no xe della compagnia ! Chi ghe ne dis una, chi ghe ne dis un’ altra, e specialmente le donne le se sente a morir de voia de vegnirghe, de veder, de saver.

Pantalone. No le vegnirà assolutamente. Cussi xe i patti della compagnia. Chi no xe della lega, no poi vegnir, e donne mai.

Brighella. Me par impussibile.

Pantalone. Vardè ben, vede. No ve vegnisse voggia (0 de far ve- gnir donne qua drento. Ve mando via subito immediatamente.

Brighella. Caro signor, la perdoni. L’è nemigo delle donne? La varda ben che ghe n’ho visto dei altri, che no podeva veder le donne, e pò i è cascadi drento fina ai occhi.

Pantalone. No son nemigo delle donne ; le vedo volentiera, e anca mi ai mi tempi gh’ ho voleste ben ; e se me trovasse in te l’occasion, no so cossa fasse anca al dì d’ancuo. Me par per altro, che l’amor dell’amicizia sia un amor più nobile, e manco pericoloso, e per coltivarlo no bisogna missiarlo con altri amori. Dove che ghe xe donne, no poi de manco che qualchedun no se scalda ; al caldo dell’amor succede el freddo (1) Pap. aggiunge: né per poco, ne per assae, ne tardi, ne a bonora, de far vegnir ecc.