Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/493

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

477

Contenti dovrebbero essere di ritrovarvi un Protagonista vizioso, coloro che ad imitazione delle antiche, così vorrebbero le Commedie moderne; ma io non sono di ciò persuaso, e mi faranno giustizia i più delicati ancora, che grata rendesi molto più la Commedia, quando l’argomento di essa appoggiato veggasi ad una virtù; ad una virtù, io intendo, non tragica, non severa, ma che il lepido soffra, il piacevole, il comico, e che il vizio abbia in aspetto più ridicolo, in suo confronto; poichè se vogliono i partigiani dell’antichità, che questo il soggetto abbia da essere della Commedia, unicamente perchè dall’odio ch’egli eccita, s’innamorino gli uditori della virtù, meglio s’avrà l’intento, se questa meglio risalta, e più ridicolo sarà il vizioso, se più lo sfregia il confronto.

Cosa odiosissima è la vendetta; la necessità di far più Commedie in un anno, anche di questo tristo argomento mi ha consigliato a valermi. Studiato ho di raddolcire il tetro di un tal carattere col ridicolo di due collerici, uno de’ quali, il più violento, il più interessante, vinto e ridotto a fremere dall’amore. Per ravvivare un’opera resa tetra dall’argomento medesimo, ho pensato di lavorare il terz’atto al costume degli Spagnuoli, con imbrogliato intreccio e copia d’accidenti, che hanno un poco del sorprendente1; da quali poi ne traggo lo scoprimento del cattivo animo della Vendicativa, e al fine, il di lei avvilimento, la confessione e il castigo. Due sole sere rappresentata fu nella occasione suddetta una tal Commedia, non so se arrestato fosse il suo proseguimento da poco applauso, ma posso asserire per la verità, che l’ho veduta egregiamente rappresentare, e la celebre Corallina2 principalmente ha sostenuto a meraviglia la parte della Vendicativa, quantunque di malanimo lo facesse, e chiedesse al popolo scusa, con un Sonetto non mio, di avere un tal carattere rappresentato, imputando a me

  1. Segue nell’ed. Pasq.: da’ quali ne ho ricavato lo scoprimento del mal animo della Vendicativa, non meno che il di lei avvilimento, confessione e gastigo. - Ho preveduta la querela che far potrebbero le Donne, per averle appropriato lo spirito della vendetta. Ma, Donne mie gentilissime ecc.
  2. Maddalena Marliani, più volte ricordata.