Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/494

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la colpa di aver alle Donne appropriato lo spirito della vendetta1. Donne mie gentilissime, non son nemico del vostro sesso, se talora con lieve sferza lo pungo; far lo deggio, perchè la comica arte voi dalla critica non esime. Piacciavi però osservare, che gli uomini non istan meglio nelle mie scene, e che di lodi son prodigo con voi ancora, dove la ragione e l’opportunità lo permetta.2

  1. Il sonetto era opera di Pietro Chiari, e si legge infatti a pag. 202, t. I, delle Poesie e prose (Venezia, Pasinelli, 1761) dell’abate bresciano: «Finale d’una commedia intitolata - La serva vendicativa. A’ Poeti e a’ Pittor tutto è permesso. - Donne, al giudizio vostro io m’abbandono: - Col far vendicativo il nostro sesso, - Un’onta se gli fa per fargli un dono. - L’ire vendicatrici io spoglio adesso, - Dimentico qual fui, torno qual sono - Sì pronta a perdonar, che a quello stesso - Che odiosa mi fece, io qui perdono. - Per bocca sua parlando arsi di sdegno, - Parlando or qui per la mia bocca il core - L’arte di vendicarsi a tutti insegno. - Amate chi v’offende, e a mio rossore - Se mai v’offese il finto mio contegno, - L’ira in voi finta sia, vero l’amore».
  2. Aggiunge l’ed. Pasq.: Di tal protesta dovreste essere paghe e contente. Voi vivete felici.