Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/377

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



una volta al fin ; che co son morto mi, ti poi deventar mi- serabile. Intrae ghe ne xe poche; bezzi no ghe n’ho, e se ghe n’ avesse, i fenisse presto. Ti no ti sa far gnente ; se no ti gh’averà giudizio, ti sarà un pitocco.

Lelio. Pur troppo dite la verità. Conosco anch’ io che la fortuna non mi ha finora molto assistito, e che dall’ industria mia poco posso sperare. Voi, signor padre, potreste farmi felice.

Pantalone. Come? In che maniera?

Lelio. Dandomi per moglie la signora Rosaura.

Pantalone. Siora Rosaura?

Lelio. Sì, ha quattordici mila ducati di dote. Sarebbe la nostra fortuna.

Pantalone. Tocco de desgrazià ; adesso capisso la rason, perchè ti vien via facendo la gatta morta : Sono pentito, vi domando perdono, mi vedrete cangiato. Ti vorressi che te dasse sta putta per muggier, no miga per el so muso, ma per i quat- tordese mile ducati, per magnarghe la dota, per destruzzerla in pochi zorni, e pò lassarla una miserabile e desperada. Con che cuor, con che conscienza, con che stomego me la vienstu a domandar ? Credistu che no sappia el to proceder, le to belle virtù ? A più de sie putte ti ha promesso, e ti le ha tutte impiantae, e a tutte, furbasso, ti gh’ha magna qualcossa. Te piase le sgualdrinelle, e ti ghe n’ ha una per tutti i can- toni. So tutto, tocco de infame ; so i segreti che passa tra ti e mio compare chirurgo. Son to pare, xe vero, e son tutor de Rosaura, e poderia, se volesse, tirarme la dota in casa, e dartela per muggier. Ma son un omo d’ onor, no voi precipitar una putta per meggiorar la mia casa, per contentar un mio fio, un fio scavezzo, un fio relassà. Ti zioghi, ti va all’ osteria, ti fa el buio, ti è pien de donne ; ti porti via quel che ti poi a to pare : ti gh’ ha diese vizi un più bello dell’ altro, e ti me domandi Rosaura per muggier? E ti me dà da intender, che da un momento all’ altro ti t’ ha cambia ? No te credo, no te ascolto ; mua vita, e te crederò ; tendi al sodo, e te ab- baderò. Ma se ti seguiti sta carriera, no solo no te voi ma-