Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/526

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


per i casi di estrema necessità, perchè si può quasi di sicuro prevedere che al Principe non darà che noia » (Martersteig. Die Prolol^olle des Mannheimer Nationaltheaters unler Dalberg ecc. Mannheim, 1890, p. 4). Proponevano poi la recita di cinque commedie, compresa la Finta ammalata. Questa dun- que non pare avesse le fatali doti soporifere della sua compagna goldoniana. Notevole assai la lettera di dedica, per quanto vi si dice sulla fortuna del teatro goldoniano a Roma. Altro in argomento si legge nei noti studi del Mar- tucci e del Carletta, ma nulla suH’adopereu-si della contessa Collalto a favore del suo già celebre conterraneo. Solo il Cametti avverte che il cav. Pier An- drea Cappello, ambasciatore di Venezia presso il papa, era arrivato a Roma negli ultimi giorni di gennaio del 1749 Critiche e satire teatrali romane del 700. Rivista mus. itai, voi. IX, fase. 1°, 1902, pag. 5 dell’estr.). Un ac- cenno alla famiglia Cappello « une des plus anciennes et des plus respecta- bles de la République » è nella terza parte delle Memorie (Cap. XXXIX), là dove si parla di Antonio Cappello nuovo ambasciatore, eunvato a Parigi nel dicembre del 1 785.

E. M.

Questa commedia uscì la prima volta dentro l’anno 1753 nel t. VI dell’ed. Bettinelli di Venezia, e subito dopo nel t. IV dell’ed. Paperini di Firenze ; fu poi ristampata a Bo- logna (Pisarri Vili, ’54; Corciolani, id.), a Pesaro (Gavelli IV, ’53), a Torino (Fantino e Olzati IV, ’56), e più tardi a Venezia (Pasquali V, ’63; Savioli II, ’70; Zatta, ci. 2.a, VI, ’91), a Torino ancora (Guibert e Orgeas V, ’72), a Lucca (Bonsignori IV, ’88), a Livorno (Masi Vili, ’89) e altrove nel Settecento. — La presente edizione seguì principal- mente il testo più curato del Pasquali, ma reca a pie di pagina le varianli delle altre edi- zioni, e in Appendice le scene apocrife dell’ed. Bettinelli. Le note segnate con lettera alfabetica appartengono al commediografo. Valgono le avvertenze più volte ripetute.

Fine del settimo volume.