Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VIII.djvu/336

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
322 ATTO PRIMO

Brighella. El patron el vol una scatola de tabacco.

Corallina. E intanto che la padrona aspetti: siete pure incivile!

Brighella. Corallina, mi ve voio ben; ma sto perderme el respetto, farà che ve perda l’amor.

Corallina. Già me l’ha detto la padrona. Vedrai che colui non verrà. (filando)

Brighella. L’ha1 dito colui?

Corallina. È un pezzo che la signora contessa Beatrice vi ha in mala opinion2. In questa casa vi vedo e non vi vedo.

Brighella. Donca gh’averessi gusto che andasse via. Bell’amor! Brava! Me confido che ela no comanda. Comanda el conte Ottavio, che l’è el me padron.

Corallina. Comanda anch’ella.3. È sua cognata, è stata moglie di suo fratello. È madre del conte Lelio e della contessina Rosaura: sarebbe bella che ella non comandasse.

Brighella. Basta: a mi no la me comanda. Vôi finir de rapar. (rapando)

Corallina. Lo dirò al conte Ottavio, e la verrete a servire. (fila)

Brighella. Eh via! (rapando)

Corallina. Oh, se ci verrete. (fila)

Brighella. Signora no, non ci verrò.

Corallina. No? basterebbe che io volessi. La mia padrona fa più conto di me, che di suo cognato.

Brighella. E el me padron el fa più capital de mi, che de tutta la so fameia.

Corallina. Io ho persuaso la mia padrona a contentarsi che la sua figliuola si sposi4 al marchesino Florindo. Non lo voleva fare per niente; anzi avea intenzione di darla al marchese Riccardo, e quasi quasi gliel’avea promessa5; ma per me ha cangiato opinione.

Brighella. Col me padron avesse volsudo, el gh’ha una testa che fa far6 a so modo.

Corallina. Anche la mia padrona non burla. Quando dice voglio, ha da essere.

  1. Pap.: Colui? L’ha ecc.
  2. Pap.: vi ha scancellato dal suo buon libro.
  3. Pap.: anche lei.
  4. Pap.: si promettesse.
  5. Le parole di Corallina che qui seguono, mancano nell’ed. Pap.
  6. Pap. aggiunge: tutti.